kloben sistemi solari

L’energia solare è tra le energie rinnovabili gratuite quella di gran lunga più abbondante e disponibile su tutta la superficie terrestre. Per avere un’idea dell’energia che il sole irradia sulla terra, a seconda della latitudine in cui ci si trova, si pensi che la radiazione solare media media in Italia varia da 1500 a 1800 kWh/anno su una superficie di 1 metro quadrato. L’impiego di un collettore solare termico a tecnologia sottovuoto è accreditato, come dimostrato dagli esperti del settore solare e dai test di laboratorio condotti secondo le normative europee EN, essere il sistema tecnicamente più efficiente per captare l’energia regalata dal sole su tutto il periodo dell’anno. Indicativamente utilizzando un sistema solare Kloben si evita di immettere nell’ambiente circa 160 kg di CO2 per ogni metro quadrato di superficie solare installata.

Considerata la richiesta di energia termica giornaliera per persona per uso sanitario, l’impiego di collettori solari a tecnologia sottovuoto con riflettore CPC, abbinati ad un impianto standard progettato a regola d’arte, consente un risparmio di energia per uso acqua calda sanitaria fino all’ 80%. Mentre, considerando il carico globale di energia termica richiesta per uso sanitario e riscaldamento il risparmio complessivo può superare il 40%.

Questo considerevole risparmio di energia costituisce un importante contributo alla riduzione delle emissioni di sostanze nocive derivate dalla combustione in atmosfera e in particolare alla riduzione di CO2 principale responsabile del riscaldamento ambientale dovuto all’effetto serra. Attraverso la tecnologia sottovuoto nei mesi più freddi si riesce a conservare il calore captato evitando di disperderlo nell’ambiente; questo si pone in netta antitesi con i tradizionali collettori piani che funzionano solo nei mesi estivi.

Confronto tra le prestazioni di un collettore solare piano a tubi sottovuoto Kloben e un tradizionale pannello piano nell'arco dell'anno.

kloben grafico

l principio di funzionamento di un impianto solare termico può essere descritto in maniera semplice. Il collettore solare sottovuoto a riflettore CPC capta la radiazione solare riscaldandosi. Il calore raccolto viene trasferito tramite scambio termico ad un serbatoio di acqua che funge da accumulo. La quantità di energia solare che il collettore è in grado di trasferire al serbatoio dipende sia dalla sua capacità di assorbire la radiazione solare, sia dal grado di isolamento che riduce la dispersione dell’energia captata dal collettore. Grazie al “vuoto” che si ottiene all’interno del tubo di vetro il collettore Kloben non disperde il calore che assorbe, ma lo mette a disposizione in inverno quando si registra una maggior richiesta di energia.

La tecnologia sottovuoto: un principio antico applicato ad una tecnologia innovativa.

colettore sottovuoto kloben

I collettori sottovuoto Kloben funzionano tutto l’anno.Questo è possibile poiché i collettori Kloben, attraverso l’aspirazione dell’aria presente nell’intercapedine del tubo di vetro, sfruttano il miglior isolamento termico presente in natura, ossia il vuoto. Il principio è il medesimo che da un secolo ci è noto ed apprezzato nella forma del thermos. Con l’utilizzo di questo accorgimento i collettori solari Kloben ottimizzano lo sfruttamento dell’energia solare e garantiscono benessere e risparmio ogni periodo dell’anno, anche in inverno.

Trasmissione del calore al fluido termovettore

tubo di rame

Lo scambio del calore raccolto avviene tramite un apposito assorbitore in alluminio che a contatto con un tubo di rame ad “U” trasferisce il calore al fluido termovettore presente nel circuito del collettore solare.La scelta del rame è stata dettata delle sue caratteristiche fisiche: il rame presenta la conducibilità termica più elevata che ne garantisce le più alte prestazioni rispetto agli altri materiale utilizzati. Un esempio, la conducibilità termica del Rame è 386 Kcal/M°C, 20 volte più elevate rispetto a quelle dell’acciaio inox.

Vantaggi della tecnologia sottovuoto CPC Diffusion

Kloben ha scelto di inserire nei propri collettori SKY i captatori di luce diretta e diffusa a geometria CPC, Compound Parabolic Concentrator, realizzati utilizzando materiali in grado di fornire ottime rese in riflessione totale (> 90%) ed in riflessione di luce diffusa. I vantaggi di aumentare l’efficienza ottica del collettore, si traduce in una maggior quantità di energia fornita dal collettore solare sottovuoto Kloben, rispetto agli altri collettori solari termici.

Lo strato selettivo “Cermet”

strato selettivo cermet

La superficie interna dell’intercapedine sottovuoto è resa selettiva all’assorbimento della radiazione solare tramite la deposizione per sputtering di molteplici strati metallici di spessore micrometrico che prendono il nome di “CERMET”, atti a coprire l’assorbimento di tutto lo spettro della radiazione elettromagnetica del sole. Lo strato selettivo è studiato appositamente per resistere nel tempo alle alte temperature che si generano. La presenza del vuoto assicura la protezione da infiltrazioni di umidità e da agenti atmosferici garantendo una durata illimitata e il mantenimento delle prestazioni di captazione. Kloben, in linea con la filosofia che da sempre la caratterizza, è da attenta al rispetto e alla tutela dell’ambiente: il “CERMET” studiato e realizzato da Kloben, è infatti creato utilizzando prodotti completamente riciclabili.